Cayetano Valdés y Flores


Cayetano Valdés y Flores
by José Roldán
(Museo Naval, Madrid)
 

VALDÉS Y FLORES, Cayetano (1768-1835)

    Ufficiale della Real Armada. Dapprima imbarcato su navi della squadra di Luis de Córdova, partecipò alle operazioni militari, guidate dal Barceló, contro Algeri. In seguito a richiesta di Antonio Valdés (che era suo zio), fu accettato da Malaspina tra gli ufficiali della spedizione. Quando le corvette navigarono alle Filippine - Cayetano Valdés rimase nel Messico e, con il collega Alcalá Galiano, guidò la spedizione delle golette «Sutil» e «Mexicana» all'esplorazione dello Stretto di Juan de Fuca. Colà gli spagnoli incontrarono George Vancouver, che era intento ai medesimi rilevamenti, e le due spedizioni ebbero modo di collaborare. Rientrato in Spagna, partecipò alle battaglie di Capo San Vicente e Trafalgar al comando rispettivamente dei vascelli «Pelayo» e «Neptuno». Più tardi, inclinato a  posizioni liberali, fu nominato governatore e capitano generale di Cádiz, cariche dalle quali cessò con l'abrogazione della costituzione del 1812 da parte di Fernando VII, il quale confinò l'ufficiale per qualche tempo ad Alicante. Attorno al 1820, tentato ancora dalla politica, Cayetano Valdés fu eletto deputato alle Cortes di Cadice; il successivo assolutismo di Fernando VII lo vide ancora perseguitato ed esule in Inghilterra.

Per ulteriori informazioni v.:

V. GONZÁLEZ CLAVERÁN, La expedición científica de Malaspina en Nueva España. 1798-1794, México, Colegio de México, 1988, pp. 468-470.

J. KENDRICK (ed.), The Voyage of Sutil and Mexicana. 1792. The last Spanish exploration of the northwest coast of America, Spokane, The Arthur Clark Company, 1991, 260 pp.

Dario Manfredi         

 

Updated: June 15, 2018